Previeni il Raffreddore con i Rimedi Naturali

vitamina E e fertilità
I Miracolosi Effetti della Vitamina E
ottobre 2, 2016
influenza e rimedi naturali
INFLUENZA 2016 : I Rimedi Naturali Efficaci
novembre 19, 2016
Mostra tutto

Previeni il Raffreddore con i Rimedi Naturali

raffredore e rimedi naturali

 

Con l’approssimarsi della stagione autunnale sono in arrivo, come ogni anno, avvisaglie di tipo batterico e virale. Di certo molti di noi se ne stanno rendendo già conto: fazzoletti e nasi arrossati stanno ricomparendo nelle case, nelle scuole e negli uffici. Il raffreddore e le sindromi parainfluenzali sono forse fra le poche certezze – per quanto sgradite – nella vita di ognuno. Gli acciacchi stagionali non risparmiano nessuno, e molto spesso l’unica cura efficace è aspettare che vadano via.

Occorre farsene una ragione: l’unica strategia sensata contro il raffredore  è mettersi comodi e al caldo, rassegnarsi, rilassarsi con un buon libro (e un bel film, della buona musica, una bevanda calda… coccolarsi un po’), riposare corpo e mente e sopportare i sintomi, alleviandoli quando diventano troppo molesti…..oppure rivolgersi ai Rimedi Naturali.

 

Attenzione però ad evitare l’errore, comune, di imbottirsi di farmaci non appena ci si sente un po’ indolenziti. Le medicine in questo caso servono a poco: il nostro organismo, se è sano, è perfettamente in grado di respingere le offensive degli agenti esterni, anche al costo di qualche giorno di assenza dal lavoro. Anche quando i farmaci hanno qualche efficacia, bisogna tener presente che si tratta pur sempre di sostanze chimiche arricchite con eccipienti e che possono produrre effetti collaterali anche gravi.  Diamo un’occhiata quindi ad alcuni rimedi naturali contro i sintomi di raffreddore .

La parola d’ordine è prevenzione. Seguire già a partire da ottobre un “programma” che preveda l’assunzione di integratori a base di echinaceapappa reale, propoli o alcuni minerali o come zinco, rame e manganese, è un ottima maniera per rafforzare il sistema immunitario e migliorare la risposta dell’organismo alle “minacce” esterne.

Il raffreddore può essere causato da diversi ceppi di virus. Ne esistono oltre 200 ma, nel 50% dei casi il raffreddore è causato dal rinovirus, il quale si riproduce delle cellule del naso.

I virus si diramano per via orale, si annidano nelle mani e rendono questo disturbo davvero contagioso. Il freddo agevola l’infezione, perché le temperature basse alterano i meccanismi di difesa delle vie respiratorie e, in particolare, di quelle nasali, che depurano e riscaldano l’aria inspirata.

Alimentazione in caso di raffreddore

Nel raffreddore, come in generale in tutte le sindromi influenzali, bisogna sostenere l’organismo con un’alimentazione naturale ricca di cereali integrali, legumi, frutta e verdura di stagione.

Necessari tutti gli alimenti che hanno proprietà antibatteriche e antivirali come agliocipollapeperoncino, chiodi di garofano e cannella.

Utili alcune associazioni nutrizionali per prevenire e ridurre la sintomatologia del raffreddore:

  • Tisana di chiodi di garofanocannella: in un pentolino con 100ml d’acqua si fanno bollire per cinque minuti 2 chiodi di garofano e 1 cm di stecca di cannella. Si filtra la tisana e si beve in tre somministrazioni giornaliere.
  • Achillea

Essa negli antichi erbari medici è chiamata “salvezza di tutti i mali”e può essere impiegata dove altre medicine hanno fallito. Modalita’ di preparazione per Tisana:

con ¼ di litro d’acqua sbollentare 1 cucchiaino da dessert colmo di Achillea per mezzo minuto,filtrare e berne a piccoli sorsi.

foto-achillea

  Ortica

La versatile ortica rafforza le difese del corpo ed è pertanto un rimedio efficace contro il contagio dei raffreddori. lasciare in infusione per mezzo minuto in acqua bollente un cucchiaio colmo do ortica ,filtrare e bere a piccoli sorsi. Si possono bere tranquillamente 2 litri di tisana al giorno.

Camomilla

Lasciare in infusione 1 litro d’acqua bollente un cucchiaio colmo di camomilla e inalare i vapori col capo sotto un panno. Il trattamento ha successo solo rimanendo a caldo dopo l’inalazione.